scrivimi!

 

Per gli antichi celti, il Nemeton era la "radura nascosta" nel cuore di un bosco sacro dove gli antichi druidi erano soliti riunirsi per discutere, organizzarsi, officiare le loro celebrazioni.

Luogo di scambio - e soprattutto di INCONTRO - simbolico o reale, dove il mondo degli umani poteva aprirsi al mondo degli dei...

Esso celava lo "spazio vuoto" che solo poteva permettere al "nuovo" di nascere e manifestarsi...

(la lanternina illuminata è il simbolo che abbiamo scelto)

Anticamente era la nostra casa,
il nostro rifugio, il nostro cibo, il nostro maestro.

Il Bosco nascondeva nel suo cuore un luogo speciale:

il NEMETON, un luogo sacro, un luogo vivo.

Questo Nemeton è un luogo virtuale,
ma non per questo privo di vita.


Come il Bosco, esso è in costante crescita,
mutamento, espansione.

 

 

 

 

MdS Nemeton

il Németon di Medicina dei Significati

luogo di incontro, confronto ed esperienza

 

 

Quest’anno, racconteremo storie...

...ci racconteremo un sacco di STORIE, quelle che più o meno tutti conosciamo, che hanno scaldato i cuscini del nostro sonno (e del nostro sogno) da piccoli e talora coronato di gocce di luna gli occhi di chi ce le raccontava... Per l’anima le storie sono un balsamo e nulla devi fare perché la magia di disveli... poiché esse, come i miti, sono disseminate di istruzioni (pratiche, non teoriche!) che ci guidano nelle tortuosità della vita.
Consapevoli di maneggiare pura energia archetipica, lasciamo spazio dunque all’affiorar del mito o della fiaba giusta, proprio per noi... la nostra fiaba, quella che, puntualmente, esprimerà i bisogni di tutti... Concediamoci al gioco, con gioia (che bella l’assonanza tra queste due parole... ;-)) almeno fino a che ognuno sarà in grado di scrivere o raccontar la propria... Ma di questo ne parleremo più avanti...


1 febbraio 2014: Trasformazione e metànoia nelle fiabe:
il corpo e i suoi travestimenti, storie di crescita e mutazione


18 gennaio 2014: Risvegliare il castello incantato. Incantesimo e risveglio nelle fiabe: abitare l’in-canto con consapevolezza e liberare il canto. (Nemeton del Calore del Cuore)


21 dicembre 2013: Natale e pre-natale, la fiaba delle fiabe: il mistero dell'esistenza prima del tempo. (Nemeton di profondo inverno e solstizio)


16 novembre 2013: La piccola fiammiferaia, una storia per non lasciarci congelare...


19 ottobre 2013: Il potere nel corpo. Imparare a vedere ciò che ci hanno insegnato ad ignorare. La donna scheletro. scarica la fiaba


21 settembre 2013: Baubò, la dea panciuta e il riso di Demetra.


 

 

 

"Quando un fatto interiore non viene reso cosciente,
si produce fuori, come destino."

Carl Gustav Jung


Németon di giugno

15 giungio 2013

h. 16,00 - 18,30


Dal segno al sogno: il senso

quando il “significato” si fa medicina




Quando??


Forse, proprio quando scopriamo che...



...la possibilità di comprendere i propri vissuti

SIGNIFICATO alla nostra vita e ci aiuta

a ritrovarne il SENSO, o DIREZIONE, nel Cammino.

...nella Malattia, come nella Storia, come nella Vita,

c'è SENSO, cioè DIREZIONE;

insieme

alle risposte e alle risorse per procedere...

Ma come?

...ricucendo le tessere della propria esistenza, attraverso l'incontro ed il dialogo col proprio

Io Consapevole,

accettando “la corsa nell’opposto”, l’“enantiodromia” degli antichi...

...ricordando che "tutta la nostra esistenza si fonda sulla capacità e volontà di dare significato alle cose. I problemi nascono quando tutto appare privo di significato. Spesso nella nostra vita si concretizza una trama, una tessitura di episodi e avvenimenti che noi non riusciamo a collegare fra loro: il nostro sforzo dovrebbe essere teso a dare un significato a ciò che vediamo, a cogliere l'insieme piuttosto che il particolare."

Aldo Carotenuto

La Medicina dei Significati, oltre ad obiettivi più specificamente terapeutici (o, meglio, nonterapeutici) e di divulgazione delle pratiche in essa contemplate, persegue anche un obiettivo di carattere educativo basato sulla conoscenza e consapevolezzadi quello che le tradizioni più antiche considerano il significato della vicenda umana sulla terra:

quello di ricordare chi l'uomo è, chi siamo, di conoscerci sempre di più…

La missione dell'uomo è quella di divenire consapevole di sé, riconquistando così il senso della sua stessa vita, della nostra vita, il significato ma anche la "direzione" del nostro cammino su questo pianeta.

Per non cadere vittime del caso, del caos, dell'anarchia o del "nulla", la più grande minaccia del nostro tempo, per l'Uomo in Cammino.

Sede: Centro Ahimsa

Milano, Via Marciano, 9

(zona Città Studi, V.le Argonne)

- è previsto un compenso spese di 10 euro -

 

Németon di maggio

18 maggio 2013

h. 16,00 - 18,30

La rinascita del rituale

riabilitare il rito,
come momento magico di risveglio delle energie di guarigione.


In psicogenealogia e nelle costellazioni immaginali, l’individuazione del mitema che sospinge una persona nel vortice degli eventi della propria vita rimane sterile, se non è accompagnata da un rito, inteso come una metodologia per lavorare sul profondo*.

Ponte tra macrocosmo e microcosmo, tra inconscio e coscienza, terra degli uomini e terra degli dei, visibile e invisibile dell’essere, scopo del rito è il “mettere in azione” una consapevolezza, una presa di coscienza che, conquistata ad un primo livello, va poi trasferita nel profondo, parlando un linguaggio che l’anima possa riconoscere...

Il rito permette l’interiorizzazione della consapevolezza, porta ordina nel caos e, soprattutto, offre la possibilità di trasformare ciò che, agli occhi della mente, appare chiuso in una realtà unica ed immutabile, riaprendo gli orizzonti della possibilità infinita e riconquistando quella “visione di trasparenza” che il mondo oggi ha perduto, incapace di riconoscere in se stesso più nulla che sia segno ed espressione di verità superiori.


***


''La rovina degli stati, la distruzione delle famiglie e l'annientamento dei singoli
è sempre cosa preceduta dall'abbandono dei riti...
essi forniscono i canali attraverso i quali noi possiamo cogliere le vie del cielo...''

LI KI (Il Libro dei Riti),7,4,6


***

* Numerose sono le funzioni del rito: quella sociale (funzione di collante/identificante sociale); quella psicologico-sociale (mi sostiene e fortifica poiché riconferma la mia identificazione e fornisce ritmo alla mia vita); quella religiosa, che permette il contatto con la dimensione trascendente e quella psicologica profonda che, utilizzando il potere del simbolo (“immagine” evocante e polivalente) permette di ristrutturare condizioni di autoidentificazione profonde e ricostruire su nuove basi, proprio come negli antichi riti di morte/rinascita. Fondamentalmente, il rito (come il simbolo... del resto, in quanto esso non è che un “contenitore-attivatore” di simboli) agisce una funzione di ponte-zattera, in grado di traghettare il significato-senso da una sponda all’altra della coscienza, agendo in altre parole una modalità per comunicare con l’inconscio. Il rito è dunque un tramite, attraverso il quale comunicare con la propria divinità interiore...


***

“Per l’uomo moderno cause ed effetti si trovano entrambi sul piano fisico, nello spazio e nel tempo. Per l’uomo antico, invece, il piano fisico contiene solo gli effetti e nulla si produce nell’al-di-qua che non si sia già prodotto nell’al-di-là, nell’invisibile” (J. Evola)

Sede:

Centro Ahimsa

Milano, Via Marciano, 9

(zona Città Studi, V.le Argonne)

- è previsto un compenso spese di 10 euro -

 

 

Németon di aprile

20 aprile 2013

h. 16,00 - 18,30

 

Riprendiamoci l'anima

...per essere maestri delle cose, non la vittima delle loro reazioni

Introduzione all’approccio nonterapeutico e alla Medicina dei Significati

Non dobbiamo mai stancarci di ricercare un Significato a quanto
la vita ci propone lungo il cammino. Dobbiamo “cercare”, dunque.
Non per “capire”, ma per ritrovare la strada.

Per non affidare noi stessi ad un incompreso destino,
ma farci diretti responsabili nei confronti di esso.

Per non cadere vittime del caso,
del caos, dell’anarchia o del “nulla”,
la più grande minaccia del nostro tempo,

per l’Uomo in Cammino.

Nuova Sede:

Centro Ahimsa

Milano, Via Marciano, 9

(zona Città Studi, V.le Argonne)

 

- è previsto un compenso spese di 10 euro -

 

 

 

Németon di marzo

16 marzo 2013

h. 16,00 - 18,30

 

L'archivio del Tempo:

la colonna vertebrale e il piede come luoghi privilegiati di riconoscimento dei traumi,
personali e familiari.

 

Nuova Sede:

Centro Ahimsa

Milano, Via Marciano, 9

(zona Città Studi, V.le Argonne)

Németon di febbraio

23 febbraio 2013

h. 16,00 - 18,30

 

Le Vie degli Dèi:

il mito come traghettatore, dall’identità biologica

all’identità divina


“Occorre farsi portatori consapevoli del proprio mito

e danzare in armonia con esso”

Selene Calloni


Németon di gennaio 2013

19 gennaio 2013

h. 16,00 - 18,30

l'Amore e le sue declinazioni...

entrare in relazione con l'Amore per comprendere quanto pare incomprensibile

dibattito e spazio aperto, esperienza.

h. 19,00 - 20,00

Pratica di HADO

"cresta dell'onda"o "la vibrazione dello spirito"

riconoscere la vibrazione sottile


Németon di dicembre

15 dicembre 2012

h. 16,00 - 18,30

celebrare l'INIZIO

di un mondo nuovo:

cosa dovrà incarnare

il Nuovo Uomo

per

"camminare mano nella mano con se stesso"?

 

dibattito e spazio aperto, esperienza.

 


Németon di novembre

17 novembre 2012

h. 16,00 - 18,30

il messaggio nascosto della malattia

dibattito e spazio aperto, esperienza.

 


Németon di mezz'estate

30 giugno 2012

h. 16,00 - 18,30

Dialogo tra visibile e invisibile:

il messaggio nascosto della malattia

dibattito e spazio aperto, esperienza e programmazione.

Non è presunzione: è sensibilizzazione al recupero di una potenzialità che ci appartiene... per una "educazione alla profondità", qualità fondamentale dell'uomo del futuro...

Non perdiamo tempo!


Németon di maggio

19 maggio 2012

Il corpo-antenna

(riconoscerlo, comprenderlo e svilupparlo)

dibattito e spazio aperto, esperienza e programmazione.

"I nostri corpi non sono così separati come lo sono i nostri cervelli! Le nostre cellule, uscite da una stessa matrice, possiedono un loro proprio modo di comunicare, e così tutto ciò che certe cellule acquisiscono si trasmette prima o poi ad altre..."

Il passaggio è aperto... (Satprem)

"L'Uomo è un essere di transizione, non è il punto finale" (Mère)Occorre prendere coscienza di un cambiamento che sta già avvenendo... non solamente a livello esterno, ma al livello umano più profondo.

Se ci facciamo consapevoli di ciò, da una parte possiamo comprendere che la crisi attuale è

"crisi evolutiva"

quindi non solo economica, politica, morale, energetica, ecologica..., ma interessa l'essere umano nelle "fondamenta"...

Il nostro corpo biologico vi partecipa in prima linea, poiché il SEGRETO ("sod" nella mistica ebraica) è "nella carne" (ye-sod, la base, il fondamento; l'osso cosiddetto sacro nel corpo umano ontologico).


Németon di aprile

21 aprile 2012

"Immergere il Soffio nel Campo della Forza"

Il respiro sarà il nostro argomento. Ne esploreremo gli aspetti simbolici, la relazione con il Corso dell'Anno, la funzione "ponte" tra conscio e inconscio e sperimenteremo alcune semplici tecniche per riportare il baricentro nel ventre, sede della "forza" archetipica, ma anche fisica e psicoenergetica.


Németon di marzo

17 marzo 2012

Niente di più profondo della pelle

Continuiamo il nostro cammino di sensibilizzazione attraverso Corpo e Coscienza con un argomento solo "apparentemente" superficiale...

Ne incontreremo il simbolismo profondo attraverso il nostro stesso corpo e non solo attraverso la mente che lo accompagna!


Németon di febbraio

17 febbraio 2012

Siediti, osserva, ascolta... cammina!
ZEN in the City - Walking Meditation

Per abbandonare l'abito, l'abitudine e l'abituale, tornando finalmente ad abitare se stessi... Per superare la radicata concezione dualistica della realtà... Per scoprire la magia del fare senza scopo e rilassare finalmente il nostro senso dell'Io Devo... Per accorgerci che spazio e tempo sono realtà altamente deformabili...


Németon di gennaio

21 gennaio 2012

Il Corso dell'Anno: Imbolc e la Fonte di Giovinezza


Németon di dicembre

21 dicembre 2011

Németon di profondo Inverno:

la luce nel cuore del buio

...non più esiliato ma riabilitato nella sua complementarietà col polo luminoso il buio si fa, come per incanto, portatore di luce...



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Nemeton si terrà ogni terzo sabato del mese,

dalle ore 16,00 alle 18,30

presso:

Centro Ahimsa

Via Marciano, 9

Milano

(angolo Viale Argonne, seminterrato a sx, bus 54)

informazioni e prenotazione:

mailto

02-26 82 06 08

338-86 03 062

Si prega di segnalare la propria presenza

è previsto un compenso spese di 10 euro

 

 

"Nato dal grande silenzio divino, l'uomo potrà tornare a questo silenzio solamente quando sarà capace di udirlo, poiché l'uomo parla nella misura in cui ascolta. Cresce dentro la gamma di suono che percepisce. La sua parola è espressione della sua evoluzione e una verifica l'altra. Entrambe sono funzioni del suo ascolto"

Annick de Souzenelle